Pagine

sabato 19 agosto 2017

Hong Kong, condannati tre leader della “rivolta degli ombrelli”

La Stampa
L’Alta Corte ha ribaltato il verdetto di primo grado per gli attivisti anti cinesi pro democrazia
Joshua Wong e Nathan Law
L’Alta Corte di Hong Kong ha ribaltato il verdetto di primo grado condannando al carcere Joshua Wong e Nathan Law, nonché di Alex Chow, tra i promotori del «movimento degli ombrelli», la protesta pro-democrazia del 2014 andata in scena nell’ex colonia britannica.

Wong è stato condannato a sei mesi di prigione, Law a 8 e Chow a 7: per tutti e tre c’è anche la pena accessoria a non potersi candidare a cariche politiche per cinque anni, fino al 2022.

«Ci vediamo presto - ha twittato Wong subito dopo la nuova sentenza - incarcerandoci non metteranno a tacere di desiderio degli abitanti di Hong Kong di avere il suffragio universale. Noi siamo più forti, più determinati e vinceremo. Potranno imprigionare i nostri corpi - ha concluso - ma non le nostre menti».

Secondo esponenti delle organizzazioni pro democrazia di Hong Kong, la decisione dei giudici è un’ulteriore indicazione che Pechino intende stringere la morsa del suo controllo sull’ex colonia britannica, dal 1997 regione semi-autonoma della Cina.

Nessun commento:

Posta un commento