Pagine

lunedì 28 agosto 2017

Guerre dimenticate: Afghanistan - Attentato a Kabul con 20 morti tra cui molti bambini

Globalist
Un kamikaze dello Stato Islamico si è fatto esplodere davanti alla moschea sciita


L'ennesima strage in un giorno di preghiera: è di almeno 20 morti e oltre 35 feriti l'ultimo bilancio dell'attacco di un commando dell'Isis a una moschea sciita di Kabul. Lo riferisce la tv Tolo citando il ministero della Sanità afghano. Secondo la polizia l'attacco è terminato e sarebbero morti anche quattro terroristi.

A seguito dell'attacco, almeno undici feriti sono stati ricevuti oggi dall'ospedale di Emergency dove «sono state attivate le procedure di mass casualty in attesa di capire se ne arriveranno altri».

In un comunicato Dejan Panic, coordinatore del Programma Afghanistan di Emergency, ha sottolineato che «Kabul è una città estremamente insicura». «Ogni giorno - ha ancora detto - riceviamo feriti: da pallottola o per un'esplosione, poco conta. Ogni giorno sappiamo che qualcuno in città pagherà il prezzo per questa guerra insensata. Questa città, questo Paese non hanno pace».


Malgrado la presenza del governo e delle rappresentanze internazionali, si dice ancora, Kabul continua a essere la città che ha registrato più vittime, a causa soprattutto degli attacchi suicidi: nel primo semestre del 2017 sono state 986 tra morti o feriti, con un incremento del 59% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
«Nonostante le condizioni del Paese peggiorino di giorno in giorno e nonostante diverse rappresentanze diplomatiche europee abbiano deciso di lasciare il Paese per ragioni di sicurezza - aggiunge Emergency - l'Unione Europea (Ue) continua nella sua decisione di rimpatriare gli afgani».

Nessun commento:

Posta un commento